Addio alle armi – Ernest Hemingway

Autore:

Ernest Hemingway (Oak Park, Illinois, 1899 – Ketchum, Idaho, 1961) è uno dei più grandi scrittori americani di tutti i tempi. Premio Nobel nel 1954, raggiunse la fama nel 1926 con Fiesta. Fra le sue opere principali ricordiamo: Addio alle armi, Morte nel pomeriggio, Verdi colline d’Africa, Per chi suona la campana, Di là dal fiume e tra gli alberi, Il vecchio e il mare, Isole nella corrente.

Trama:

I temi della guerra, dell’amore e della morte, che per diversi aspetti sono alla base di tutta l’opera di Hemingway, trovano in Addio alle armi uno spazio e un’articolazione particolari. È la vicenda stessa a stimolare emozioni e sentimenti collegati agli incanti, ma anche alle estreme precarietà dell’esistenza, alla rivolta contro la violenza e il sangue ingiustamente versato. La diserzione del giovane ufficiale americano conducente di autoambulanze, durante la ritirata di Caporetto, da atto apparentemente “inconsulto” viene rivelandosi, col ricongiungimento tra il protagonista e la donna della quale è innamorato, una condanna di quanto di inumano appartiene alla guerra. Ma anche l’amore, in questa vicenda segnata da una tragica sconfitta della felicità, rimane un’aspirazione che l’uomo insegue disperatamente, prigioniero di forze misteriose contro le quali sembra inutile lottare.

Recensione:

Addio alle armi è stato il primo approccio con Ernest Hemingway e me ne sono innamorata. Un romanzo storico e struggente che ti lascia quella sensazione di abbandono una volta finito. In poche parole quello che un buon libro dovrebbe fare.

Addio alle armi è una storia ambientata durante la Prima Guerra Mondiale. Non pensavo potesse piacermi proprio per questo particolare. Non amo leggere romanzi in cui vengono trattati temi dolorosi come la guerra, ma quando un libro è scritto bene, non puoi fare altro che apprezzarlo e amarlo per il posticino che ha occupato all’interno del tuo cuore.

Addio alle armi è un romanzo che ti trafigge il cuore. Un racconto difficile, ricco di dolore e speranze per un futuro migliore. È un libro di cui accetti tutto, nel bene e nel male, perché parla di vita e la vita porta con se le sue sofferenze. Ho amato molto quest’opera e il seme della speranza si è impiantato anche in me, proprio per questo motivo ho intenzione di approfondire la mia conoscenza di Hemingway.

Consiglio la lettura di questo libro per chi ha voglia di vivere una storia d’amore d’altri tempi con i suoi ardori e le sue sconfitte. Un romanzo da tenere accanto al cuscino per sognare insieme ai protagonisti.

 

Edito da: Mondadori

Numero Pagine: 346

Prezzo: 9,50 €

Voto: 9/10

Precedente Thormäe: Il Cantico del Sole - William Riverlake Successivo Il diario, un destino già scritto - Gabriele Missaglia